Sercos e Powerlink

Sercos è uno standard internazionale aperto (IEC 61784, IEC 61158, IEC 61800-7) che si distingue per velocità e precisione. La sincronizzazione con un grado di precisione inferiore al microsecondo garantisce la comunicazione deterministica a sincrona in tutta la rete Sercos. Sercos consente l’hot-plugging senza compromettere la capacità di tempo reale e la sincronizzazione; la ridondanza nella comunicazione assicura un maggior grado di disponibilità di macchine e impianti. La perfetta retro-compatibilità sostiene gli investimenti a lungo termine.

Sito ufficiale Sercos

Prodotti per Sercos nel catalogo online

Controllori firmware per Sercos

Vantaggi dell’impiego di prodotti Festo per Sercos III (FB39):

  • Nodo bus basato sulla più recente specifica Sercos
  • Permette un perfetto motion control e I/O control (ad esempio Unità di Valvole) mediante lo stesso bus
  • Diagnostica estesa, per es. mediante LED oppure la possibilità di definire il comportamento del dispositivo in caso di errore     

Ethernet POWERLINK assicura la massima performance con tempi ciclo fino a 100 µs ed una sincronizzazione di sistema in meno di 100 ns; integra Ethernet, CANopen e un’eccellente risoluzione in tempo reale.

La tecnologia comprende caratteristiche come ridondanza, hot-plugging, comunicazione trasversale diretta, multiplexing, poll response chaining e altre funzioni.
POWERLINK è stato presentato nel 2003 come standard internazionale e si basa sugli standard aperti IEEE 802.3 (Standard Ethernet) e IEC 61784-2 (bus di campo basati su Ethernet con capacità di tempo reale).

Sito ufficiale Powerlink

Prodotti per Powerlink nel catalogo online

Controllori firmware per Powerlink

Vantaggi dell’impiego di prodotti Festo per Powerlink (FB40):

  • Nodo bus per Ethernet con capacità di tempo reale e hub POWERLINK integrato
  • Ampie funzioni di protocollo, anche attraverso profili integrati di dispositivo: CANopen DS402 per la mappatura modulare delle funzioni CPX
  • Diagnostica estesa, per es. mediante LED oppure la possibilità di definire il comportamento del dispositivo in caso di errore