Ben svegli e concentrati

Il concetto di illuminazione nel Technology Plant di Scharnhausen

La luce è particolarmente importante per l'organismo umano. Ciò è particolarmente evidente nei mesi bui invernali, quando la luce del giorno è minore, il che porta spesso a stati d'animo depressivi. Anche una lunga giornata di lavoro con la luce artificiale, però, può essere stancante. Quanto minore è la luce diurna, tanto minore è il livello della luce sul posto di lavoro e con esso la capacità di concentrazione. In questo campo la scienza ha trovato soluzioni che a poco poco stanno prendendo piede anche nella pratica.

Il colore della luce ha un ruolo importante nel ritmo giorno-notte dell'individuo. Nella retina dell'occhio ci sono le cosiddette cellule gangliari fotosensibili, le quali trasmettono le informazioni registrate dall'occhio al cervello. Le celle hanno una speciale capacità di assorbire la luce nella gamma blu dello spettro visibile. La luce blu riduce la produzione dell'ormone del sonno, la melatonina, che ci consente di rimanere svegli più a lungo e di concentrarci meglio. Al contrario, la luce rossastra fa sì che il corpo si adatti alla fase di riposo e al sonno.

L'illuminazione influisce sul bioritmo

Un esempio di come queste conoscenze possano supportare il lavoro quotidiano ci viene offerto dal Technology Plant di Festo a Ostfildern-Scharnhausen. Qui è stato implementato un concetto di illuminazione che promuove la salute in collaborazione con il Fraunhofer Institute for Industrial Engineering. Si basa sulla luce solare naturale, che passa dalla luce fredda bluastra a quella calda rossastra nel corso della giornata.

Gli addetti alla produzione che lavorano a turni troveranno la giusta intensità di luce per l'ora del giorno, che corrisponde al loro bioritmo naturale. Grazie alla luce sempre più rossastra verso fine della giornata, i lavoratori trovano più facile addormentarsi a casa dopo l'ultimo turno.

La luminosità aiuta

Oltre al colore della luce, anche la luminosità può avere un impatto sull'organismo umano. Di questo fenomeno si occupa, ad esempio, il Dr. Max Kaplan, presidente dell'Associazione medica statale bavarese ed ex medico generico. Secondo il Dr. Kaplan, una luminosità costante ha un effetto positivo sulla concentrazione sul posto di lavoro. Questo è il motivo per cui ha installato circa 700 lampade a sospensione a LED nell'ufficio dell'Associazione medica statale di Monaco. Questi assicurano una luminosità costante di 500 lux in tutte le postazioni di lavoro e consumano anche molta meno energia rispetto alle lampade convenzionali.

Il principio è semplice: non appena la luminosità fuori aumenta, l'intensità dei LED si riduce, mentre con l'aumentare dell'oscurità esterna l'intensità viene aumentata gradualmente dai sistemi di comando.

Panoramica